letra de eclipse – vegas jones

[intro]
ah sì?
credi di fottere me?
credi di fotter me?
(yeah)

[hook]
è l’inizio di tutto
pensavo fosse chiaro invece è scuro
che strano, frate’, sfaso di brutto (brrr)
la mia gente la sa lunga ma non apre la bocca
sì, c’è il chiaro di luna (cini)
uscirò dalla giungla, avrò addosso un cappotto di cincillà
a forza di stare tra i lupi, ci ballo
frà, ormai sono bravo su
sì frà, quanto mi fa male stare ancora così
n’è p*ssata d’acqua sotto i ponti ma non mi dimentico
sì frà, quanto mi fa male stare ancora così
non importa come, conta solo quello che diventi (oh)

[verse 1]
quando capita che sono solo
mi guardo allo specchio e mi fisso negli occhi
nessuno può entrare né uscire da qui
non lo sai cos’è il fondo finché non lo tocchi
lontano da qui, scappo lontano da qui
dove non puoi vedermi soffrire
mi porto il suo bacio e due g dentro i jeans
che situa, poi tutto finisce

[hook]
è l’inizio di tutto
pensavo fosse chiaro invece è scuro
che strano, frate’, sfaso di brutto (brrr)
la mia gente la sa lunga ma non apre la bocca
sì, c’è il chiaro di luna (cini)
uscirò dalla giungla, avrò addosso un cappotto di cincillà
a forza di stare tra i lupi, ci ballo
frà, ormai sono bravo su
sì frà, quanto mi fa male stare ancora così
n’è p*ssata di acqua sotto i ponti ma non mi dimentico
sì frà, quanto mi fa male stare ancora così
non importa come, conta solo quello che diventi (oh)

[verse 2]
sto tra buio e luce, vivo in una eclisse (hey)
e mi piace un cifro stare fuori dai tuoi cliché (hey)
sì, guardami esistere, non puoi resistere
io non ce l’ho mai fatta (no!? chi te lo dice!?)
e se preghi per la pioggia metti in conto il fango
non so neanche perché ma sto continuando a farlo
che ghiaccio là fuori, la city spegne i sentimenti
ne parliamo elegantemente
i bambini per strada c’hanno già la tuta
che piccoli zarri, stanno nel quartiere
si sentono a casa, non chiedere né a me né a jessie
come stiamo a casa
non chiedere né a me né a jessie come stiamo a casa
a forza di spingere il mezzo per strada
ho capito che era meglio fare benzina

[hook]
è l’inizio di tutto
pensavo fosse chiaro invece è scuro
che strano, frate’, sfaso di brutto (brrr)
la mia gente la sa lunga ma non apre la bocca
sì, c’è il chiaro di luna (cini)
uscirò dalla giungla, avrò addosso un cappotto di cincillà
a forza di stare tra i lupi, ci ballo
frà, ormai sono bravo su
sì frà, quanto mi fa male stare ancora così
n’è p*ssata di acqua sotto i ponti ma non mi dimentico
sì frà, quanto mi fa male stare ancora così
non importa come, conta solo quello che diventi (oh)

- letras de vegas jones